SALVATORE D’AQUILA

Salvatore D’Aquila

Nel 1910, dopo l’arresto del capo dei capi Giuseppe Morello e del cognato Ignazio Lupo detto the Wolf, per il reato di contraffazione e la successiva condanna, si creò un vuoto di potere al vertice della prima famiglia mafiosa di New York. Per riempirlo le famiglie mafiose elessero D’Aquila, Salvatore inteso Totò o Zio Totò che a quel punto fu considerato come il boss dei boss della mafia americana. Nacque a Palermo nel 1873. Giunse a New York nel 1904 come importatore di formaggi. D’Aquila ha iniziato la sua carriera nella malavita come un soldato di Giuseppe Morello e Ignazio Lupo e operava nel Bronx. Appena eletto si assicurò il sostegno degli alleati di tutte le famiglie mafiose degli stati Uniti e cercò di controllare tutte le famiglie di New York. Era molto riservato e guardingo. Nonostante la grande forza, D’Aquila non riuscì a unire e controllare tutti i mafiosi di New York City. Alcune zone abitate dagli italiani di Manhattan nel Lower East Side gli sfuggirono di mano. Tra questi vanno citati i fratellastri di Morello, Nicolas, Vincent e Ciro Terranova, e i loro cugini Lomonte.Quando Morello e Lupo furono rilasciati dalla prigione federale nel 1920, D’Aquila al fine di eliminare i potenziali rivali emise condanne a morte contro i suoi due ex boss e dieci dei loro più stretti alleati. Il 7 maggio 1922, il boss della famiglia criminale Morello Vincenzo Terranova, fu ucciso in una sparatoria nei pressi di casa sua sulla 116esima strada. Valenti fu sospettato di essere personalmente responsabile e per rinsaldare l’accordo con D’Aquila, gli promise di eliminare Giuseppe Masseria, il nuovo boss della mafia di Manhattan, che nel frattempo era diventato il leader della fazione Morello. Grazie all’astuzia e la fortuna, Masseria sopravvisse ai tentativi di omicidio portati da Valenti che a sua volta fu ucciso nel 1922 dai sicari di Masseria. I nemici di D’Aquila nonostante tutto non lo dimenticarono. Colui che fu il capo dei capi per 18 anni fu ucciso la sera del 10 ottobre del 1928.

di Fabio Fabiano

ASCOLTA L’EPISODIO SU SPOTIFY

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: